Io che scrivo il diario dell'emicrania
"Caro" Diario

Caldo, emicrania e vaccino

“Caro” Diario, è stata una settimana impegnativa e torrida. Ma che caldo fa??? Siamo seri? Sono stata qualche giorno in montagna e al mio rientro la temperatura di Bologna si avvicina a quella del sole! Non è possibile. 

Ovviamente questo per una simpatica emicranica come me vuol dire un aumento degli attacchi di mal di testa dovuti al caldo. Se poi ci aggiungiamo lo stress, il preciclo e saturno contro (che sicuro lo abbiamo da una vita di default) ciaone proprio.

Lunedì: vaccino!

io mi vaccinoGli Anni Venti saranno segnati per sempre dalla pandemia e dall’attesa del V-Day. Quindi oggi è uno di quei giorni da segnare sul calendario. Grazie a “Mamma IMA” (per gli amici) in quanto parente dipendente sono riuscita a vaccinarmi in anticipo rispetto al previsto 7 luglio. 

Il caldo mi aveva già scatenato una leggera emicrania al mattino, ma l’auradol stava già facendo il suo lavoro. Onestamente non mi sono nemmeno posta il problema di interazioni o altro. Nella vita ho preso combinazioni di talmente tante medicine che se mi dovessi bloccare ad ogni possibilità di effetti collaterali non vivrei. Così avanti tutta. Alle 12.30 ero una perfetta donna Moderna e alle 14.30 ero di nuovo in ufficio a sciogliermi. 

Martedì: fitboxe e 35 gradi

Mai nella mia vita avrei pensato di fare attività fisica anche se la temperatura è sahariana. Eppure sa sera, dopo essermi squagliata a lavoro e con ancora il braccio dolente per il vaccino, sono andata a fitboxe. Lo facciamo all’aperto in un giardino in campagna per cui un po’ d’aria c’è sempre. Ma devo dire che persino i guantini mi sembravano di troppo. 

Ma se non mi ha fermato il vaccino e l’emicrania, non mi fermerà certo il caldo.

Mercoledì: ehi ma non c’è più il coprifuoco!

camporellaDopo un’estenuante giornata lavorativa sono andata a cena fuori con le mie amiche di fitboxe. Siamo andate a Camporella, un aperitivo/cena su pallet e balle di paglia in mezzo alla campagna. Molto carino e decisamente fresco! Come sempre ci siamo divertite da matti e addirittura dopo le 11 siamo andate a prendere i bomboloni appena sfornati dal Mago delle Torte! Che spettacolo!

Non andavo a paste dopo una serata da una vita…ed era anche una vita che non facevo più delle undici visto che c’era il coprifuoco! 

Si, certo Diario, lo so che non dovrei mangiare zuccheri… E nemmeno fritti. Però, parliamoci chiaro, quando mi ricapita un bombolone alla crema caldo appena sfornato?? Quando???

Giovedì: emicrania mattutina

Ovviamente mi sono svegliata con l’emicrania. Me l’aspettavo visto la serata glicemica di ieri sera. Fortunatamente non era di quelle emicranie tostissime così mi sono comunque alzata, preparata e diretta a lavoro. Dopo un paio d’ore mi sono chiesta perché ho fatto lo sforzo.. Non per il male, che gradualmente è passato. Per la rottura di scatole della giornata. Ultimamente ogni mese è un loop infernale che si rinnova. Una giostra infuocata da cui non riesco a scendere…

Ehi Diario, ma tu ce l’hai un amico tra i diari che vuole una ghost writer? Sono bravina eh 😀 

Venerdì: seratona

a casa dalla rossChe figata di serata! Dopo l’ennesimo finale di settimana estenuante mi sono docciata al volo e con Simo ci siamo beccati a Cadriano coi ragazzi per andare a sentire Carlotta suonare in un locale. Il posto, a me sconosciuto ma davvero super carino A Casa Dalla Ross, si trova lungo il fiume dopo Marzabotto. Che dire… adoro la musica dal vivo ( e la Banda Casoni è top!) adoro scoprire locali particolari in posti che mai avrei pensato, e soprattutto a doro mangiare cose super. In particolare dolci super. Si, di nuovo ho sgarrato sulla glicemia. Lo so. Però capiamoci Diario, dopo tante privazioni si torna a uscire e fare cose belle belle belle…. come faccio a privarmi del dolino finale (che per altro era sublime)???? Non si può mica!

Alla fine abbiamo chiuso il locale che era passata abbondantemente mezzanotte e siamo arrivati a casa oltre l’una…come i vecchi tempi. Son quasi commossa.

Sabato: grigliata senza fine

Anche quest’anno abbiamo recuperato la grigliata del primo maggio quando le condizioni lo hanno concesso. Così oggi ci siamo ritrovati (con alcuni davvero dopo un anno intero) per grigliare dalla mattina alla sera!

E’ stato come sempre mangereccio e divertente. Anche se sul finale la Bestia è venuta a farmi visita. Ma me lo aspettavo visto l’anticipo del ciclo. 

Ma oggi non ero sola al tavolo degli emicranici! Ho conosciuto un’altra Giulia, portatrice “sana” di cefalea a grappolo. Purtroppo per lei. Ovviamente appena ci siamo trovate ci siamo scambiate i racconti reciproci della vita da emicraniche e siamo entrate in sintonia. I nostri morosi sconsolati si sono guardati nel segno del “ale, parlano di emicrania, sarà una cosa lunga” 😀

E’ bello trovare qualcuno con cui ci si capisce al volo su questo tema e con cui si è d’accordo su un punto fondamentale: nonostante la sfiga non mi abbatto e non voglio far si che la mia patologia condizioni la mia vita. 

Domenica: recuperi di compleanno

Sta mattina mi son svegliata preso con un dolore all’occhio che temevo preannunciasse tempesta. Stranamente però, una volta che sono riuscita a riaddormentarmi è passato e quando alle 8.30 mi sono alzata ero sorprendentemente sana. A volte i miracoli accadono, anche a noi emicraniche. 

Dopo aver lavato la moto e sistemato la casa oggi mi sono dedicata alla pizza per festeggiare il compleanno di Marco, il papà di Simone. In realtà il compleanno era la scorsa settimana ma noi eravamo via così abbiamo deciso di festeggiare tutti insieme oggi. Il caldo e il forno sono un’accoppiata decisamente tosta ma alla fine abbiamo anche un tavolo in giardino che ci ha garantito la sopravvivenza.. se no penso mi sarei sciolta!

 

Insomma diario, è stata una settimana segnata dal caldo e dall’emicrania ed esso connessa. Ho cercato di fare tutte le cose che mi aiutano ad avere meno attacchi dovuti all’aumento delle temperature, ma la combo col pre-ciclo non ha aiutato. Per cui Emicrania 4 Giulia 3. Fortunatamente anche sta volta nessun KO terrificante. Per cui avanti così…barcollo (anche per il caldo) ma non mollo.

 

SE TI PIACCIONO I MIEI DIARI E I MIEI ARTICOLI ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER DI ATUTTATESTA.

Questo è un progetto per non farsi abbattere nei momenti in cui la Bestia sembra non volerci lasciare andare. Nonostante l’emicrania cronica si può avere una vita piena e io cerco di mostrartelo un “Caro” Diario alla volta!

Lascia una risposta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.