Io che scrivo il diario dell'emicrania
"Caro" Diario

“Caro” Diario Ep.7

“Caro” Diario Episodio 7:  Settimana dal 25 al 31 maggio

“Caro” diario dell’emicrania,

si è concluso un maggio moooolto impegnativo. Però è stato un mese all’insegna delle ripartenze quindi mi auguro che sia un giro di boa anche per me e la mia testa così difficile da domare!

Lunedì: inspiegabili emicrania

La mattinata si è svolta tranquilla e rilassata, niente particolari stress lavorativi, merenda fatta, clima stabile. Eppure verso l’una ecco fare capolino l’emicrania. Ma mi prendi in giro? Proprio oggi che non dovresti avere alcun motivo per farmi visita??? Sono basita. Anzi, un po’ mi sono pure arrabbiata perché ho trovato questo suo spuntare senza ragionevole motivo veramente seccante. Ormai diario lo sai che analizzo ogni possibilità e questa volta proprio non c’era…o almeno io non l’avevo vista. Maledetta lei. Iniziamo in salita. Emicrania 1 Giulia 0

Martedì: “Caro” diario è il compleanno di Simo!

Oggi sono stata a lavoro in filiale dove mi aspettava l’annuncio del cambio della guardia tra il mio capo ed una nuova… speriamo in bene diario, speriamo in bene. Che far capire che la mia condizione non è una fantasia non è sempre facile. Per questa giornata però non mi son voluta concentrare su questo fatto ma sulla preparazione della super cena per il compleanno di Simone. Prima di tutta questa situazione gli avevo promesso lo avrei portato a Villa Crespi per il compleanno (grande festa, grande regalo)..purtroppo la cosa è saltata e anche il su regalo fisico è in netto ritardo. Così mi sono rimboccata le maniche e, senza tagliarmi le dita (epico successo del giorno), ho preparato per la prima volta il vitello tonnato, uno dei suoi piatti preferiti. Sono molto orgogliosa di me, il che mi mette immensamente di buon umore. Buona cucina e spirito positivo sono grandi armi contro la Bestia. Emicrania 1 Giulia 1

Mercoledì: sonno interrotto

Ricordati che lo ami, ricordati che lo ami, ricordati che lo ami. Mi sono ripetuta questa cosa almeno 500 volte quando è venuto a letto all 4.45 (si era addormentato sul divano) e ovviamente mi ha svegliato perché io ho il sonno leggerissimo. E cosa succede ad un emicranica se ha il sonno disturbato?? Le viene un attacco! 9 volte su 10 è così. E infatti alle 6.30 ero già dolorante che bramavo il ghiaccio e un difmetre. Per fortuna oggi ero in smartwork e ho potuto riprendermi con calma e alla fine riuscire pure a lavorare, cosa che sarebbe stata impossibile se avessi dovuto uscire di casa per andare fisicamente a lavoro. Per farmi una coccola ho cucinato due tenerine al cioccolato per gli amici, io non le posso mangiare, è vero, ma ho la casa invasa dall’odore di cioccolato ed è magnifico 🙂 Emicrania 2 Giulia 1

Giovedì: ritorno in famiglia

Mamma mia inizio tremendo di giornata. Dover lavorare con la mascherina e parlare a lungo è decisamente complesso. Ho provato a tenere aperta la finestra, fare qualche piccola pausa (compatibilmente col fiume di appuntamenti che avevo), bere ad ogni attimo libero ma nulla…il mio cervello ha iniziato a friggere alle 9.30 e per più di 5 ore la Bestia ha martellato pesantemente. Ovviamente mi era impossibile andare a casa in una delle rare occasioni in cui apparivo “live” in ufficio di questi tempi e dunque ho tenuto botta fino a che la pausa pranzo (e le medicine) non hanno portato il sollievo che tanto bramavo. Per fortuna però alla sera ogni sintomo era passato e ho potuto godermi la prima cena in famiglia dopo mesi. Dopo una giornata così terribile è stata ancora più bella di quanto poteva essere. Cuori al cubo, anche se ho sofferto prima 🙂 Emicrania 3 Giulia 1

Venerdì: prima volta fuori

La seconda giornata consecutiva in ufficio è stata un po’ meglio della prima, anche se “Caro” diario, sto tempo terrificante non aiuta di certo. Prendere meno appuntamenti di fila indubbiamente mi ha dato modo di avere più respiro e reggere meglio ma a fine giornata avevo comunque la testa indolenzita. Fortunatamente il tutto non si è tramutato in emicrania..gran botta di fortuna perché questa sera per la prima volta sono uscita a fare aperitivo con 3 amici!!! Tutti a distanza e in sicurezza, sempre all’aperto, ma almeno ci siamo visti… è stato bello assaggiare un pezzo di normalità. Certo è una nuova-normalità, ma intanto mi accontento di questa piccola gioia. Emicrania 3 Giulia 2

Sabato: frullare come trottole

Oggi mi sono sentita tipo la Dea Khali dei lavori di casa. Tra la preparazione di pizza e crescente, lavatrici e 730, ho fatto così tante cose che mi è sembrato di finire nel tritatutto degli eventi. Però non mi sono scaricata le batterie come al solito, il che è una piacevole novità. Alla fine sono riuscita a godermi anche un paio di amici a casa per un aperitivo improvvisato. Il bello di avere un giardino di sti tempi è anche questo. E così in grande recupero ho raggiunto il pareggio. Anche gli emicranici possono frullare come le trottole, almeno ogni tanto. Emicrania 3 Giulia 3.

Domenica: colli e vigneti

Ma quanto è bello andare in giro per i colli bolognesi???? Se poi vai in vigna con gli amici lo è ancora di piùùùùùùù. “Caro” diario oggi il maltempo ci ha provato a rovinarci la festa, minacciando nuvole e pioggia per mezza giornata e impedendomi la scelta della moto per andare a Podere Riosto. E invece alla fine è stato tutto magnifico. Buon cibo e tante chiacchiere con gli amici in una cornice meravigliosa. La Bestia è rimasta a cuccia, forse le avrò fatto uno sguardo cattivo o forse si sarà intimidita dalla bellezza intorno a me…chissà…ma la cosa che conta è che sono arrivata a sera senza problemi. Dai che scatta il sorpasso sul finale!!! Emicrania 3 Giulia 4

Purtroppo maggio si è concluso con 12 emicranie, di cui 4 belle pesanti. Se ripenso alle sole 7 di aprile mi sembrano un lontano ricordo. Però non demordo, fatto una volta sono sicura che posso rifarlo. Questo mese il tempo ha sicuramente influito molto ma guardando indietro mi rendo conto che inizialmente non ho gestito bene lo stress e ho anche fatto meno attività fisica. Per giugno voglio impegnarmi di più per essere costante in tutte le cose che mi hanno fatto stare bene ad aprile e i nuovi stratagemmi imparati a maggio. Passo dopo passo risolverò il mistero di Giulia e la sua emicrania 🙂 

 

Lascia una risposta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *